BANCHE: UNIMPRESA, SOFFERENZE GIÙ DI 13 MILIARDI, PMI ESPULSE DA CIRCUITO LEGALE CREDITO

| Posted by | Categories: News

Nel corso del 2021, le sofferenze delle banche italiane sono calate di 13 miliardi di euro: una ulteriore “pulizia” dei bilanci, accelerata dalle norme europee sui prestiti deteriorati, che corre il rischio di espellere dal circuito legale del credito sia le famiglie sia le aziende, in particolare le piccole e medie imprese. Lo sottolinea il Centro studi di Unimpresa, in relazione ai dati diffusi oggi dalla Banca d’Italia. «Tale situazione può portare fuori dal recinto bancario, un recinto regolamentato sotto molteplici punti di vista, centinaia di migliaia di attività economiche. Ciò sia perché il debitore ceduto dalle banche a società di recupero crediti non è più interlocutore di un soggetto bancario, col quale intratteneva rapporti anche ultradecennali, sia perché diventa “preda” di società di recupero crediti che agiscono con attitudini non sempre “amichevoli” e, pertanto, sono in grado di cagionare seri problemi agli imprenditori oltre che ai singoli cittadini. Ne consegue che, per far fronte alle scadenze finanziarie, non pochi soggetti ricorrono agli usurai o alla criminalità organizzata per trovare quella liquidità che viene negata in banca» commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora. Secondo il Centro studi di Unimpresa, le sofferenze delle banche italiane sono diminuite di 13,1 miliardi nel corso dell’ultimo anno, dai 51,2 miliardi di dicembre 2020 ai 38,1 miliardi di dicembre 2021, con un calo del 25,6%. Discesa ancora più marcata, pari al 28,0%, se si limita l’osservazione alle sofferenze nette ovvero quelle riferite ai prestiti non coperti da garanzie reali (tipicamente gli immobili). «La cessione massiccia di non performing loan è una perdita per l’intero settore economico. La politica della Bce, favorita dal silenzio del governo e delle istituzioni italiane a partire dall’inizio dello scorso decennio, è stata miope: sono state imposte scelte che, se da un lato ben si adattano ai sistemi bancari del Nord, hanno messo in difficoltà gli istituti di credito italiani. Se i modelli nordici non hanno accusato il colpo, anche perché quelle economie non sono bancocentriche, realtà come quella italiana soffrono un certo tipo di impostazione» aggiunge Spadafora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi